Il Passaggio Segreto

Legata alla figura di Ferdinando Della Porta, nel feudo di Episcopia vi è il leggendario percorso di fuga da tutti in paese conosciuto come “il passaggio segreto” che avrebbe consentito al Signore di poter fuggire dal maniero in caso di assedio.

Secondo la tradizione orale, attraverso un condotto scavato nella roccia che aveva origine nel pozzo del Castello mediante un varco nelle pareti della cisterna si scendeva per diverse decine di metri nelle viscere della rupe per sbucare al di sotto della Timpa di Ciamparella nei pressi del fiume Sinni.

Alcuni bambini negli anni ’60 del XXsec. si calarono all’interno dello sbocco di questo passaggio posto tra la Chiesa Madre e Via Taverna risalendolo per un certo tratto fino a che la carenza di aria all’interno della cavità non causò lo spegnimento delle candele che avevano acceso per illuminare il percorso.

Notarono che il cunicolo, al suo interno, non era di roccia grezza ma la volta era rivestita da mattoni; non è stata provata, attualmente, l’esistenza dell’imbocco di questo tunnel dal castello anche se gli stessi bambini ispezionarono all’epoca la cisterna non trovando alcun varco.

E’ stato, tuttavia, riferito che in fondo a questa cisterna vennero rinvenuti uno stiletto finemente decorato che, unitamente ad un antico pugnale, questi ragazzi consegnarono a Don Peppino Castelluccio, parroco dell’epoca, il quale prestava grande attenzione alle antichità del territorio.

 108 total views,  1 views today